San Giorgio a Cremano capitale italiana del Karate nel week end. Combattimenti spettacolari e centinaia di giovani karate kid in gara nel Palaveliero riaperto per l’ occasione

torneo nazionale di Karate e San Giorgio a Cremano“Questo week end San Giorgio a Cremano – dichiarano il vice Sindaco Giorgio Zinno con l’ assessore Francesco Emilio Borrelli presenti all’ inizio della spettacolare iniziativa – è diventata la capitale italiana del Karate. Centinaia di giovani si stanno esibendo in queste ore nel Palaveliero comunale che è stato riaperto per l’ occasione. L’evento rappresenta una occasione sportiva di grande rilievo in una regione in cui il karate ha una storia importante”.

Infatti il comitato regionale campano della Federazione Italiana Karate ha organizzato sabato e domenica un evento sportivo nazionale proprio al Palaveliero di San Giorgio a Cremano. Le gare, che stanno  impegnando centinaia di atleti, si svolgono sabato 13 aprile fino alle 20.30 e domenica 14 aprile dalle 8 alle 16.  Spettacolari sono alcune esibizioni di giovani karate kid che ricordano il famoso film con Ralph Macchio e Pat Morita.

“Siamo orgogliosi di ospitare – spiega il Sindaco del comune vesuviano Mimmo Giorgiano – un evento di livello nazionale e di grande qualità agonistica che vede in campo gli atleti migliori d’Italia. La tappa sangiorgese del torneo potrebbe diventare fissa, con indubbi vantaggi per l’indotto economico in città.”

L’assessore alle opere pubbliche nonchè vice Sindaco Zinno rimarca che “a seguito del contenzioso con l’associazione che si era aggiudicata la gara per la gestione del Palaveliero e nelle more dell’individuazione di un nuovo soggetto abbiamo intenzione di concedere il nostro palazzetto dello sport agli enti che ce ne facciamo richiesta per singoli eventi e che si facciano carico di tutti gli oneri necessari. Insomma, un utilizzo a costo zero per le casse comunali a fronte di un importante ritorno di immagine, economico e di aggregazione sociale. Il Palaveliero è un elemento di traino indispensabile alla promozione di una sana cultura sportiva sul territorio.”

Lascia un commento