Rischia la vita per una serata alle giostre. [All’interno foto con contenuto forte]

SAN GIORGIO A CREMANO – Rischiare la vita per concedersi una serata di divertimento alle giostre. È la triste esperienza che ha visto protagonisti tre giovani ragazzi di San Giorgio, due fratelli A.O. di 26 e L.O. di 17 anni e la fidanzata di uno di essi, che sabato sera, intorno alle 22 si sono recati nel luna park di via Manzoni per trascorrere qualche ora in allegria con la certezza che l’adrenalina sarebbe sì scorsa nelle loro vene, ma per le emozioni che i giri sulle giostre più spericolate gli avrebbero prodotto. Si sono invece ritrovati in un vortice di violenza gratuita, aggrediti e pestati da una banda di teppisti che, evidentemente, avevano individuato nei due fratelli le vittime “sorteggiate” per una sabato sera di codarda prevaricazione e bullismo. Sconosciuti contro cui scaricare tutte le proprie frustrazioni e la propria idiozia. Ma il coraggio di aggredire due ragazzi indifesi con spranghe, cinture, pietre e bottiglie di vetro rotte si è subito dissolto all’arrivo della polizia quando, come topi che scappano nelle tane, i bulli sono fuggiti a bordo dei motorini con cui erano arrivati in via Cupa San Michele, facendo perdere le proprie tracce. I due fratelli, medicati alla clinica Betania di Ponticelli, hanno entrambi riportato trauma cranico, diverse escoriazioni e tagli in varie parti del corpo.

Il racconto nelle parole del fratello maggiore, intervistato poche ore dopo l’accaduto.

Ciao A.O., vuoi raccontarci cosa è accaduto?

Sabato sera io e mio fratello di 16 anni siamo stati improvvisamente aggrediti da un gruppo di 20-30 ragazzini tra i 16 ed i 17 anni.

Avevo deciso, insieme alla mia ragazza di portare mio fratello minorenne sulle giostre a San Giorgio e appena siamo scesi dalla giostra, ci hanno aggredito senza motivo.

Credetemi, senza motivo! Siamo stati soccorsi dalle nostre famiglie, e la polizia è arrivata solo dopo e non appena hanno visto l’arrivo della polizia sono scappati sui motorini.

Era all’esterno dello spazio delle giostre o all’interno del Luna Park?

All’ interno dello spazio delle giostre

E non è intervenuto nessuno?

Inizialmente no

Nessuno? Neanche altri ragazzi che stavano alle giostre, giostrai?

Dopo un po’ che ci pestavano, sono intervenuti i giostrai, facendo una sorta di barriera, in modo che quando si avvicinavano cercavano di tenerli lontani.

Ma cosa vi dicevano? Cosa ha fatto scattare la scintilla?

Siamo saliti io e mio fratello sul Dominator; ad un certo punto mentre eravamo sulla giostra un ragazzo nella seconda fila mi ha sputato in testa dopo poco mi ha dato un cazzotto bello forte sulla testa terminato il giro, mentre scendevamo dalla giostra gli ho chiesto il motivo dello sputo e dello schiaffo in testa e da quel momento in poi non si è capito nulla, ci hanno aggrediti.

Quanti ne erano?

Inizialmente erano una decina poi dopo sono venuti altri amici con spranghe, bottiglie di birra rotte e cinte. La mia ragazza è riuscita a mantenere la calma, non si sono accorti che era la mia ragazza altrimenti l’avrebbero uccisa. 

Avete rischiato grosso!

Sì figurati che in ospedale mi hanno estratto dall’ematoma dietro l’orecchio un frammento di ferro della cinta, quel cosetto di ferro per chiudere la cintura non so come si chiama. Erano all’incirca le 10/10.30 di sera. 

Quanti giorni ti hanno dato di prognosi?

A me 8 giorni, a mio fratello 15 giorni. Io ho quest’ematoma dietro la testa e varie escoriazioni sul corpo. Mio fratello 3 punti in testa, escoriazioni ed anche un bel taglio sulla mano. 

A quale ospedale vi hanno accompagnato?

Volevano portarci a Boscotrecase con l’ambulanza, ma abbiamo firmato e siamo andati alla Betania a Ponticelli che era più vicina

É arrivata anche l’ambulanza quindi?

Sì dopo un bel po’,  però è arrivata!

Chiamata dai giostrai o dalla tua ragazza?

Chiamata da me e la mia ragazza nel momento di tregua. Perchè la rissa si è articolata in vari round.

Anche la polizia l’avete chiamata voi?

Sì, la polizia prima la mia ragazza, poi la seconda volta io in quanto non arrivava. Sono però arrivati quando era tutto finito. 

Questi delinquenti sono andati via e tornati?

Sì, sono andati via e ritornati con un gruppo più ampio muniti di bottiglie di vetro rotte, mazze e cinture ed una volta lì hanno cominciato a lanciarci pietre e tutto quello che al momento si trovavano tra le mani. 

E non siete riusciti ad identificare nessuno?

Non pensiamo fossero di San Giorgio perché erano volti mai visti in giro. Abbiamo fatto la denuncia contro ignoti. Sabato eravamo sotto shock e non riusciamo a pensare che ci sarebbe potuta andare molto peggio per quanti erano e per come ci hanno aggrediti.

 

2 Replies to “Rischia la vita per una serata alle giostre. [All’interno foto con contenuto forte]”

Lascia un commento