Rampollo dei Cavallaro arrestato grazie all’intervento dei vigilantes.

Si era appena impossessato della borsa con tutti gli effetti personali di una donna 40enne di Ercolano, quando è stato bloccato da una pattuglia di vigilantes della Union Security l’Investigatore, in servizio nella zona allarmati dalle grida delle persone che avevano appena assistito alla rapina.
E’ così terminato, prima al commissariato e poi presso il carcere di Poggioreale, il colpo messo a segno da Mario Abate, 30 anni, rampollo della famiglia dei “Cavallaro”, non nuovo in ad imprese del genere.
I fatti si sono svolti, verso le 14, in via Regina dei Gigli, nella villetta comunale dove la donna 40enne di Ercolano si stava concedendo alcuni minuti di relax su una panchina osservando i bimbi che giocavano, molti dei quali con abiti di Carnevale.
Non si è accorta però di essere entrata nel mirino di Mario Abate, anch’egli presente nel parco di Villa Falanga, ma con intenzioni di tutt’altro tipo.
Approfittando di un attimo di distrazione della donna, il malvivente si è velocemente impossessato della sua borsa, tentando poi di fuggire subito via.
Fortunatamente il gesto però non è passato inosservato a tutti e qualcuno, cercando anche di inseguirlo a piedi, ha immediatamente dato l’allarme.
Pochi secondi dopo l’accaduto, transitava proprio davanti al cancello d’ingresso della villa comunale la pattuglia di vigilantes che, raccolte poche indispensabili informazioni, si sono messi subito all’inseguimento di Abate, bloccandolo poco dopo con addosso ancora la refurtiva.
I due vigilantes hanno, a qual punto, consegnato il malvivente agli agenti del locale commissariato, nel frattempo anch’essi giunti sul posto, che hanno accompagnato Abate prima in commissariato, dove gli è stato formalizzato l’arresto e poi presso il carcere di Poggioreale.
La refurtiva è stata invece consegnata alla donna, che ha espresso parole di ringraziamento ai vigilantes ed alle forze dell’ordine per aver repentinamente recuperato la sua borsa all’interno della quale aveva soldi, documenti ed effetti personali.

Lascia un commento