Progetto San Giorgio, un movimento al fianco delle esigenze dei cittadini

Ascolto delle problematiche e pieno sostegno al sindaco Giorgio Zinno

Manca poco alla proclamazione degli eletti del nuovo consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano. In attesa che il nuovo sindaco Giorgio Zinno convochi per la prima volta la nuova assise cittadina è il momento di affermare l’importante apporto dato da “Progetto San Giorgio”.
Questa lista civica si propone come soggetto politico protagonista dello sviluppo della comunità, quale modello nel panorama provinciale e regionale.
Proprio per questo, tanti Cittadini hanno sposato obiettivi e principi consentendo alla lista di raggiungere quota 1.900 voti ed esprimere due consiglieri comunali: Antonio Pasqua e Guido Spaziani.
Il risultato premia il lavoro dei candidati e sostenitori che hanno creduto da subito nella bontà della proposta politica e sostenuto l’autorevole candidatura di Zinno sindaco, ribadendo l’inutilità delle delle primarie.
Dal giorno dopo l’insediamento, il modello sostenuto sarà quello del confronto basato sui contenuti, a partire dalla difesa delle fasce sociali più deboli, alla riqualificazione urbana, al rilancio della cultura come volano anche di sviluppo, alla giusta redistribuzione delle imposte per cittadini ed imprese.
In “Progetto San Giorgio” prevarrà l’ascolto e la partecipazione per recuperare il fondamentale e necessario rapporto tra Cittadini e Istituzione, garantendo un metodo di lavoro imperniato sulla qualità della proposta ed l’impegno come valori fondanti, per dare il massimo contributo all’agire pubblico.
Un movimento che ormai è una realtà al servizio della collettività. Sostenendo il sindaco nella sua azione di coordinatore di una coalizione che dovrà essere squadra, oltre ogni logica individuale.

Giorgio Carcatella“Abbiamo ritenuto rimarcare il risultato della lista Progetto SanGiorgio, – dichiara Giorgio Carcatella, già Consigliere provinciale di Napoli e sostenitore della prima ora della candidatura di Giorgio Zinno, – auspicandoci che il metodo operativo che vede il Sindaco, impegnato a dare risposte in un accordo stretto con i dirigenti dell’Ente, diventi prassi anche con la coalizione che lo sostiene. Quindi mi auguro che ognuno faccia prevalere l’interesse del fare, superando necessità di parte che dobbiamo lasciarci alle spalle.”

Lascia un commento