“Natale tra solidarietà ed arte”: le Acli organizzano una mostra ed una rappresentazione con i detenuti di Rebibbia

Sarà presente anche Cosimo Rega, protagonista di “Cesare deve morire” dei fratelli Taviani, vincitore al Festival di Berlino

ACLISan Giorgio a Cremano, 4 dicembre 2012 – Il circolo Acli “Giuseppe Lazzati” di San Giorgio a Cremano organizza la manifestazione “Natale tra solidarietà ed arte”, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale ed in particolare dell’assessorato alla Valorizzazione delle Ville Vesuviane guidato da Giorgio Zinno.

Il 7 dicembre, alle 18, presso il piano nobile di villa Bruno, sarà inaugurata una mostra di arte contemporanea in cui esporrà Mario Castello, artista che ha già realizzato, tra le altre, mostre presso il Castello di Itri 2011 e a Gaeta. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 16 dicembre. Le Acli di San Giorgio, da sempre sensibili alla scoperta di nuovi talenti e delle nuove risorse culturali presenti sul territorio vesuviano, il circolo Acli sangiorgese hanno già organizzato in passato le mostre di pittura “Sacrarte” ed una personale del maestro Roccotelli. Il circolo organizzerà visite guidate con le scolaresche del territorio per la visione della mostra.

Presso la fonderia Righetti di villa Bruno, il 13 dicembre, a partire dalle 20.30, andrà poi in scena lo spettacolo “Mediterraneo”, organizzato dalla compagnia stabile “Assai” con quindici attori provenienti dalla casa circondariale di Rebibbia, Roma, dove sono attualmente reclusi.  Sarà messo in scena un testo fatto di racconti e canzoni della tradizione popolare di ciascuno dei protagonisti: quattordici artisti magrebini, siciliani, napoletani e salentini, arabi e slavi che sulla scena – lo spazio ristretto di una cella – raccontano della loro terra ricordi tutti diversi che sono, poi, tutti uguali e si fondono in un sentimento comune. Anche le musiche saranno un omaggio alle terre di origine di ognuno: tammurriate, villanelle e pizziche tarantate, ritmi magrebini e citazioni delle canzoni del carcere della tradizione capitolina.

Tra gli attori reciterà anche Cosimo Rega, protagonista del film “Cesare deve morire” dei fratelli Taviani, vincitore dell’Orso d’oro al Festival di Berlino e di 5 David di Donatello. Regia di Antonio Turco, cura musicale di Gian Franco Santucci, artista e ricercatore di testi e musiche della tradizione popolare.

Lascia un commento