L’opposizione consegna atti amministrativi considerati “nebulosi” al Prefetto di Napoli

Prefetto Francesco Antonio MusolinoTutti i consiglieri d’opposizione, ad esclusione del Movimento 5 stelle, hanno deciso di consegnare atti amministrativi considerati “nebulosi” al Prefetto di Napoli, Francesco Antonio Musolino, chiedendogli di intervenire affinchè si eviti il continuo spreco di soldi pubblici, dovendo, invece, “tagliare” sui servizi cittadini.

 

Aquilino Di MarcoA nome dei colleghi, parla il consigliere Aquilino Di Marco: “Affidamenti, determine e delibere passate in periodo elettorale o subito dopo il ballottaggio, approvate con procedure nebulose e dubbie, costate al cittadino migliaia di euro. Siamo stati contenti di registrare l’ampia disponibilità del neo nominato Prefetto Musolino ,la sua disponibilità e solerzia e siamo fiduciosi in un tempestivo riscontro di quanto da noi denunciato. Avremmo preferito che le chiarificazioni a tante nostra richieste di delucidazioni su determinati atti o procedure poco limpide, fossero date, a noi ma soprattutto ai cittadini, dagli amministratori stessi ed invece, nonostante innumerevoli interrogazioni, non ci è mai stato risposto in modo chiaro. Da consiglieri, quanto gli atti non sono lineari, siamo tenuti alla denuncia agli organi competenti, lo impone il mandato di controllo datoci dai cittadini.”

Giuseppe Giordano“Quello che critichiamo – ha aggiunto Giuseppe Giordano (Udc) – non è esclusivamente un singolo atto, ma un modo di fare di questa amministrazione, guidata dal sindaco Domenico Giorgiano, che ha provocato numerosi aumenti di tasse e tariffe locali, tutti a discapito dei cittadini. Come opposizione ci siamo sempre mostrati disponibili al confronto, ma di fronte a questo scempio non si può più stare zitti”

 

 

Alessandro Longobardi

Il consigliere Alessandro Longobardi (Udc), presidente della commissione trasparenza, prova a fare qualche esempio di alcuni atti “nebulosi”: “Giusto per fare un esempio delle “procedure” amministrative: 3 mesi fa – raconta Longobardi – abbiamo chiesto di avere gli atti propedeutici della determina per i lavori di manutenzione dle cimitero. La risposta del dirigente subentrato al precedente è che esiste solo un computo metrico ed una spesa difforme a quella preventivata, senza nessun altro atto che disponesse i lavori. Non diversa è la situazione del settore sociale per il quale sono stati spesi 8 milioni di euro ed alle nostre richieste di sapere per cosa, il dirigente  ci ha risposto che non ne sapeva nulla. Di fronte a tanto come si poteva tacere?”

Di seguito il comunicato scritto dei consiglieri d’opposizione:

[PDF] scarica il comunicato

Lascia un commento