Il Consigliere Di Giacomo: “Così diamo una mano al commercio cittadino”

Nel consiglio comunale del 7 dicembre 2012, si è approvato un’ordine del giorno proposto dai consiglieri dell’opposizione: Ciro Di Giacomo (ideatore e primo firmatario), Sesto, Curcio, Di Marco, Gallo, Giordano e Longobardi.

Ciro Di GiacomoIl consigliere Di Giacomo esprime la sua soddisfazione per il risultato ottenuto: “Con l’approvazione di questo provvedimento abbiamo dimostrato alla Città che esiste una opposizione reattiva e propositiva che è stata capace di generare un ordine del giorno che è un atto di indirizzo estremamente innovativo. Si è cercato di dare una risposta alle categorie più svantaggiate dei commercianti, cioè i piccoli rivenditori, talvolta schiacciati dalla concorrenza dei centri commerciali.

Oggi San Giorgio ha fatto il primo passo per tornare ad essere quella città a vocazione commerciale ed imprenditoriale che era un tempo e tutto questo per merito di un provvedimento generato ed ideato dall’opposizione. Il mio ringraziamento non può non andare anche ai colleghi della maggioranza che hanno votato favorevolmente l’ordine del giorno per senso di responsabilità verso la città e verso i tanti operatori commerciali in evidente stato di difficoltà e di precarietà lavorativa.”

I punti approvati sono:

  • Parcheggio gratuito per un’ora ogni trenta euro spesi a San Giorgio a Cremano
  • Prevedere la possibilità di esporre merce anche in zone interdette dal regolamento vigente
  • Controlli della Polizia Municipale a piedi ed in uniforme
  • Maggiore pulizia delle aree pubbliche

Di seguito il testo integrale

[PDF] Scarica il documento sul commercio cittadino

 

Notizia correlata:

One Reply to “Il Consigliere Di Giacomo: “Così diamo una mano al commercio cittadino””

  1. nn mi sembra niente di innovativo!!!!!!!
    I vigili dovrebbero sempre x statuto vigilare sul e per il territorio e le aree pubbliche dovrebbero essere sempre pulite visto che paghiamo esosi tributi.
    In merito al parcheggio si poteva anche osare di + liberalizzando magari il tagliando dalle 11alle 13 e dalle 17 alle 19.Esporre merce in zone interdette favorirà solo coloro che si trovano su ampi marciapiedi.

Lascia un commento