Giorgiano, Zinno e Borrelli dai ragazzi feriti: “Stanno meglio”

Il Sindaco di San Giorgio a Cremano Mimmo Giorgiano, il vicesindaco Giorgio Zinno e l’assessore Francesco Emilio Borrelli hanno fatto visita all’ Ospedale Loreto Mare ai due ragazzi che sabato scorso sono stati accoltellati nei pressi di una paninoteca in via San Giorgio Vecchio.

“Entrambi i ragazzi stanno meglio, – dichiara il primo cittadino del comune vesuviano che è anche un medico,– in particolar modo quello dei due che appariva in stato più grave. Ho augurato alle famiglie con cui ci siamo fermati a parlare assieme al personale medico dell’ ospedale una pronta guarigione dei loro ragazzi ed ho assicurato che il Comune non farà mancare la propria vicinanza non solo ora ma anche nei prossimi mesi, che probabilmente saranno i più difficili. Ho trovato genitori e parenti affranti ma combattivi e fiduciosi: a loro ho voluto dire che San Giorgio a Cremano non è una città preda della violenza e che lo Stato c’è. Per questo, ringrazio le forze dell’’ ordine che stanno operando con abnegazione per assicurare alla giustizia i responsabili di questa assurda aggressione.” Certo ci preoccupa molto la nuova ondata di violenza soprattutto giovanile che sta investendo Napoli e provincia. Non si può rischiare la vita andando a mangiare un panino”

La notte tra sabato e domenica scorsa i due ragazzi, ventunenni, erano stati accoltellati dopo un battibecco per futili motivi con degli sconosciuti. Portati subito da alcuni amici al Loreto Mare, uno dei due era apparso subito in condizioni gravissime, tra la vita e la morte. Poi, nelle scorse ore, l’ atteso miglioramento.

Prima di passare in ospedale, Sindaco, Vicesindaco ed Assessore avevano incontrato il Prefetto di Napoli Francesco Antonio Musolino, a cui hanno proposto l’’ adozione di un piano straordinario per la sicurezza nel comprensorio vesuviano per arginare e smantellare i nuovi fenomeni criminali che stanno creando enormi problemi e preoccupazione alla popolazione e che meritano una risposta forte dallo Stato.

Notizie collegate

Lascia un commento