È qui la festa!!!

manifesto è qui la festa«Per una volta ci complimentiamo con chi governa questa città. – dichiarano i consiglieri comunali d’opposizione – Hanno avuto davvero un’idea anticrisi per tante famiglie impossibilitate, date le ristrettezze economiche che viviamo, a regalare ai propri piccoli una festa che meriti di essere ricordata. L’idea più geniale è l’aver previsto l’inizio di questo nuovo servizio, gratuito per i sangiorgesi, nel mese di maggio, mese di comunioni e feste di fine anno scolastico. Non pensavamo di riuscire mai a dirlo, ma dobbiamo davvero ringraziare l’amministrazione Giorgiano per questa opportunità concessa alle famiglie della nostra città. Se però un piccolo neo dobbiamo rilevarlo è nella comunicazione della nuova chance data ai sangiorgesi: non vi è stato alcun comunicato, affissione all’albo pretorio o manifesto che informasse la cittadinanza del nuovo servizio. Poco male: se non ci ha pensato l’amministrazione, condividendo a pieno i contenuti dell’iniziativa e ritenendo che debba essere diffusamente promossa, per la comunicazione alla cittadinanza ci abbiamo pensato noi. Quando i progetti sono meritori, non devono esistere divisioni di sorta, soprattutto se quei progetti sono indirizzati ai nostri piccoli!».

E così decine di manifesti gialli “È qui la festa!”, a firma dei consiglieri d’opposizione, sono apparsi in città invitando, chi volesse festeggiare il compleanno o comunione dei propri bimbi in Villa Bruno, a rivolgersi all’assessorato al Patrimonio o al centralino comunale per chiedere la disponibilità degli spazi nei giorni desiderati.

«Lo scorso 8 maggio – spiegano i consiglieri – notammo delle foto su facebook di una festa privata per il compleanno di una bimba, organizzata dal padre in alcuni locali di villa Bruno, non annoverati tra quelli richiedibili a titolo oneroso per feste private; siccome ci è giunta notizia che, sembrerebbe, essersi svolto negli stessi spazi anche un veglione di capodanno, vien da sé desumere che quei locali possono essere richiesti anche da altri cittadini gratuitamente per le loro feste private. Ed è bene che ciò si sappia per usufruire dell’opportunità».

Giorgio Zinno

Smorza però tutti gli entusiasmi l’assessore alla valorizzazione del patrimonio, Giorgio Zinno che dichiara: «Non abbiamo autorizzato alcun compleanno o veglione in villa Bruno, tranne le cerimonie tenutesi nel rispetto del regolamento che prevede il pagamento della tariffa prevista. In internet già circolavano accuse in tal senso, ma alla mia richiesta di delucidazioni non ho avuto alcuna risposta. Probabilmente si preferisce fare accuse generiche e comunicativamente d’effetto, anziché denunciare l’accaduto dando la possibilità all’amministrazione di punire eventuali abusi. Gli spazi di villa Bruno sono patrimonio della città e devono essere vissuti nel rispetto dei regolamenti vigenti, chi conosce abusi li denunci».

Di questo ed altro si parlerà domattina, 11 giugno alle ore 11,30, durante il consiglio comunale monotematico sull’utilizzo del Patrimonio Comunale.

Lascia un commento