Da domani al via la Festa della Lava 2014

San Giorgio a Cremano, 16 maggio 2014 – Al via la Festa della Lava 2014 in onore del patrono cittadino San Giorgio Martire. Ampio il programma degli eventi religiosi e civili promosso dalla Parrocchia e dalla Città di San Giorgio a Cremano.

Domani, 17 maggio, alle 20 nella Fonderia Righetti di villa Bruno avrà luogo un concerto per pianoforte degli allievi del conservatorio di San Pietro a Majella e, a seguire, una Jam Session di Mario Sapia e Friends. L’organizzazione sarà a cura del Forum delle Associazioni. Il 18 maggio, a partire dalle 9, sarà realizzata una infiorata in onore del Santo in piazza Troisi. Alle 16 l’appuntamento con i Vespri nella chiesa di San Giorgio Martire, mentre la partenza della storica processione cittadina è prevista per le 16.30. Lunedì 19 maggio, alle 20.30, la Fonderia Righetti di villa Bruno ospiterà un  concerto del coro “I cantori di Maria Malibran” diretto dal maestro Raffaella Ambrosino.

“Anche quest’anno abbiamo inteso, in occasione della festa del Santo Patrono, offrire qualche momento di svago e serenità ai nostri concittadini, anche perché la ricorrenza è da sempre molto sentita sul nostro territorio. – spiegano il sindaco Mimmo Giorgiano ed il vicesindaco con delega ai rapporti con le associazioni Giorgio Zinno. – Nelle prossime ore saranno accese le luminarie per le vie del centro ed arriveranno i venditori di dolciumi e caramelle, che stazioneranno nelle due principali piazze cittadine. San Giorgio a Cremano onora il suo Patrono senza dimenticare anche gli aspetti laici e tradizionali di questa bella festa di popolo.”

La festa fu celebrata per la prima volta durante l’eruzione del Vesuvio del 1855. In quella occasione il parroco e i cittadini invocarono San Giorgio e la madonna l’Immacolata promettendo che se la lava si fosse fermata prima di invadere la città avrebbero portato li 2 statue nel punto in cui la lava si sarebbe fermata. Cosi avvenne. Il 20 maggio dello stesso anno dalla parrocchia di Santa Maria del Principio partì la prima processione con la presenza dell’ allora vescovo di Napoli Sisto Riario Sforza. La stessa processione fu ripetuta per le successive eruzioni del Vesuvio come quella del 1944.

In passato la festa della lava si svolgeva tra la prima e la seconda domenica di maggio, mentre nella quarta domenica di maggio le statue di San Giorgio Martire e quella dell’Immacolata venivano portate di sera ai confini della città di San Giorgio a Cremano verso San Sebastiano al Vesuvio, luogo in cui la lava si era fermata secondo la leggenda nel maggio del 1872. Oggi la Festa della Lava viene celebrata nella chiesa principale di San Giorgio a Cremano. Qui è conservata la statua di San Giorgio martire protettore della città. Dopo la celebrazione della messa, la statua viene fatta sfilare in tutta la cittadina assieme a quella dell’Immacolata seguita da una banda musicale.

Lascia un commento