Domani sera, 14 novembre, il Barbiere di Siviglia a Villa Bruno

foto della scuola barbiere di sivigliaIl «Barbiere di Siviglia» arriva a Villa Bruno con degli interpreti d’eccezione: gli alunni della terza elementare della scuola «Ascoltando i Bambini» di Pollena Trocchia. L’appuntamento è per giovedì 14 novembre alle 18 nella villa vesuviana di San Giorgio a Cremano. L’opera di Gioacchino Rossini è stata adattata alle molteplicità espressive dei piccoli attori: dalla lirica alla ginnastica, dal canto in coro alla danza e all’orchestra sinfonica. Non mancheranno riferimenti alle grandi donne italiane e premi Nobel, come Rita Levi Montalcini e Margherita Hack, ma anche riferimenti ai giorni nostri con un’acuta e ironica parodia delle trasmissioni televisive e dei personaggi del piccolo schermo, simbolo della cultura dell’immagine e del consumismo.

foto della scuola barbiere di sivigliaL’obiettivo della dirigente scolastica, Sasy Furfaro, e del suo corpo docente è preparare i cittadini del domani alla «cultura del saper fare, dell’essere, dell’ascolto e della condivisione», passando attraverso il lavoro e un esercizio costante. La scuola «Ascoltando i Bambini» da vent’anni, ormai, costituisce un’eccellenza e un unicum nel territorio vesuviano. Qui i piccoli studenti «toccano con mano» gli argomenti studiati. Le lingue, ad esempio, sono studiate con l’aiuto di insegnanti madrelingua; la storia si fa passeggiando tra i numerosi siti archeologici che il territorio offre. La metodologia di insegnamento dell’aritmetica e della lingua italiana è ispirata ad un tempo a Maria Montessori e a Glenn Doman. Molta importanza è data all’educazione fisica nelle sue diverse forme (minibasket, ginnastica, danza, scherma) e alla musica, alla quale i bambini sono avvicinati attraverso i «suoni del corpo».

foto della scuola barbiere di siviglia«Ai bambini viene proposta una scuola itinerante – spiega la dirigente Furfaro – che usa le diverse agenzie educative presenti sul territorio regionale e nazionale per non rimanere arroccati e chiusi in quattro mura chiamate scuola. “Ascoltando i bambini” è un grande laboratorio di pensiero, una tanica di pensieri nelle mani di una pluralità di educatori di eccellenza. Le varie intelligenze lavorative sono tutte personalità accreditate con titoli di merito, così che i ragazzi possano avere le migliori opportunità di crescita».

Alla rappresentazione parteciperanno anche il presidente della Confesercenti, Vincenzo Schiavo, ma anche alcuni giovani rappresentanti della politica vesuviana. «La rinascita economica dell’Italia – afferma Antonio Di Sapio, consigliere comunale di Pollena Trocchia – è legata a doppio filo alla rinascita culturale e al rilancio di progetti di sviluppo nei settori della cultura e della formazione».

 

Lascia un commento