Ciro Di Giacomo e Grazia Esposito sosterranno la maggioranza.

I consiglieri comunali Grazia Esposito e Ciro Di Giacomo annunciano la unificazione dei rispettivi gruppi sotto il simbolo di “Iniziativa Sangiorgese”. Capogruppo sarà Ciro Di Giacomo. l due consiglieri intendono marcare la distanza dalle opposizioni, che da sempre manifestano posizioni strumentali, speculative, rissose e con cui non hanno condiviso nè il percorso elettorale nè quello consiliare ed amministrativo.

“Le opposizioni hanno anteposto il proprio interesse a quello dei nostri concittadini – fanno sapere i due consiglieri – come dimostrano il mancato sostegno ai provvedimenti di allentamento della pressione fiscale. L’obiettivo del nostro gruppo politico sarà di rilanciare l’amministrazione cittadina di San Giorgio a Cremano. Per adempiere ai nostri doveri di eletti dal popolo, bisogna necessariamente ricercare soluzioni alle annose questioni che attanagliano la nostra collettività. Abbiamo ricevuto dal sindaco Zinno rassicurazioni che nonostante le risorse esigue e i vincoli amministrativi, c’è la volontà di fornire una concreta svolta per la città, in modo da farla diventare ancora più sicura, pulita, vivibile. Pertanto, abbiamo scelto di dare il nostro sostegno a questa amministrazione e di apportare le nostre energie, idee e proposte che andranno sicuramente a rafforzare il governo cittadino. Ovviamente contestualmente il consigliere Di Giacomo si dimette dalla presidenza della Commissione Trasparenza.

“Prendo atto con piacere delle dichiarazioni dei consiglieri Ciro Di Giacomo e Grazia Esposito – commenta il sindaco Giorgio Zinno – Già in passato entrambi hanno votato importanti atti per la nostra comunità come la riduzione della Tari, denotando un atteggiamento mai precostituito ma di continua ricerca della migliore soluzione per i problemi dei cittadini, più che della propria parte politica. Su questa base sono certo che la nuova collaborazione porterà nuova linfa in una maggioranza che da tempo lavora alla risoluzione delle difficoltà del territorio nonostante i tanti problemi”.

Lascia un commento